Codroipese al via
oggi in C Gold

Pubblicato da

Scatta oggi, alle 18.30, al palasport di circonvallazione Sud a Codroipo la stagione 2021-2022 di serie C Gold della Bluenergy Adp Codroipese, che è l’unica squadra friulana rimasta in categoria dopo le rinunce da Covid-19 della Calligaris Csb Corno di Rosazzo e del Sistema Pordenone. In quello che di fatto è un campionato interregionale, gestito dal comitato Veneto della Fip per la nostra area da quando Lnp non annovera più la C tra le società affiliate, militano anche due squadre triestine: la Monticolo&Foti Jadran e la neopromossa Is Copy Cus. Dieci sono i club veneti (Bassano, Leoncino Mestre, Mirano, Montebelluna, Virtus Murano, Oderzo, Ubp Padova, Riese Pio X, San Donà e Cestistica Verona) e uno del Trentino-Alto Adige (Piani Junior Bolzano). Ci descrive la C Gold, al via con la prima giornata di stagione regolare andata e ritorno, Marco Maran viceallenatore di Federico Franceschin all’Adp Codroipese che, salutati Claudio Munini e l’under Simone Tonut, riparte quasi in blocco con il roster nono nel 2019-2020 in cui ha inserito i nuovi arrivati Lucio Gattesco e Giovanni Vendramelli.


Le solite note partono favorite. L’Oderzo costruisce sempre squadre da promozione. L’Ubp Padova, retrocessa dalla B dov’era esordiente, si è rafforzata con l’ingresso del Basket Abano Montegrotto accanto a Petrarca Basket e Pro Pace Pallacanestro che l’hanno fondata. Al servizio di un tecnico ambizioso quale il nuovo Fabio Volpato resta l’ala-centro di 2 metri Andrea Campiello, che è stato il migliore realizzatore e rimbalzista della squadra in cadetteria. Classiche formazioni da C Gold sono il Montebelluna, la Cestistica Verona, il Murano e il Riese Pio X che da anni disputano questo campionato. Poi c’è lo Jadran, che abbiamo affrontato in amichevole: ha sempre giocatori esperti, ogni anno inserisce giovani e vincere a Trieste è di solito un problema. Incognite sono le neopromosse Cus Trieste e San Donà, proprio contro quest’ultima cominciamo il campionato noi della Codroipese. Due squadre giovani e destinate a crescere sono Bassano e Mestre di coach Paolo Montena, dove hanno un’impostazione quasi professionistica con allenamenti mattina e pomeriggio invece di tre soltanto a settimana. Outsider sono il Mirano e il Bolzano. Un rebus per tutti è la ripresa del campionato dopo una stagione e mezza di stop da pandemia, per cui i veri valori sul parquet si capiranno soltanto nel girone di ritorno.

La Codroipese è uno specchio di questa situazione, con infortuni più o meno gravi. Giovanni Venaruzzo, play titolare, ha subìto fratture multiple al viso in uno scontro fortuito di gioco in amichevole contro Monfalcone, è stato operato a Udine e ne avrà per quattro o cinque mesi, forse per tutta la stagione. Gli altri sono infortuni muscolari dovuti all’inattività. Capitan Francesco Accardo è in dubbio, Damian Buscaino non ci sarà perché fa ancora lavoro individuale. In settimana sono migliorati David Gaspardo e Federico Girardo. In questa situazione non avremo Gattesco per impegni di lavoro, di cui sapevamo, che gli faranno saltare i primi due turni. Siamo in emergenza, ma non ci piangiamo addosso. La squadra che presentiamo al via è indietro, ma ci proveremo sin dalla prima. San Donà è un gruppo cementato dalla promozione dalla D alla C Silver ottenuta sul campo, con ripescaggio in C Gold perché ha dato disponibilità a disputarla.  E’ più avanti dal punto di vista fisico, ha playmaker interessanti.

Noi lavoriamo e chiederemo ai ragazzi di mettere sul parquet quel che fanno in palestra. L’obiettivo è portare la squadra a recuperare giocatori settimana per settimana, ora come ora non si può programmare. I 2002 e i 2004 aggregati alla prima squadra avranno sùbito una prima, buona occasione per mostrare l’intensità che chiediamo loro, ben sapendo che i giovani possono incorrere in errori. La politica della società resta quella di creare giocatori in casa. Un esempio è rappresentato da Riccardo Spangaro. Di ritorno da un anno in A2 dal punto di vista fisico è molto più completo, plasmato. Lo attende un anno divertente, in cui potrà finalmente giocare dando sfogo al suo talento atletico e tecnico. Deve alzare il livello della condizione, perché non gioca da un anno.

Se noi debuttiamo contro San Donà e l’altra neopromossa Cus Trieste su un campo ostico come quello di Verona, lo Jadran ospitando Padova avrà sùbito uno scontro al vertice.

Marco Maran 

(Foto di copertina e nel testo pubblicate su autorizzazione dell’Adp Codroipese)

Iscriviti per ricevere la newsletter

Seleziona il tipo di newsletter che vuoi ricevere:

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

 Se vuoi Rivedi il consenso dei cookies 

Ti arriverà una email con un link per la validazione finale dell'iscrizione

e in seguito una email di benvenuto:)

Lascia un commento all'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.