BF: Sgt batte un colpo
Interclub e Oma
vanno a vuoto

Pubblicato da

Media rispettata per le tre compagini triestine iscritte alla serie B femminile, in cui raccolgono una vittoria e due passi falsi in occasione dell’undicesima giornata di andata.

S.G.T.-LUPE SAN MARTINO 63-51

(18-14, 35-21, 49-37)

S.G.T.: Cigliani 14, Mervich 12, Silli 8, Fumis 5, Prodan 5, Croce 5, Castelletto 4, Ciotola 4, Nardella 3, Zanelli 3, Tobou, Grassi. All.: Jogan

LUPE SAN MARTINO: Pilatone 6, Squizzato 5, Tau 15, Malin 2, Varaldi 1, Lessio 1, Cossavella 3, Ferraro, Diakhoumpa 7, Arado 11. All.: Turi

ARBITRI: Gasparo e Dalibert di Trieste.

La reazione arriva subito e si concretizza nella migliore prestazione stagionale. La Ginnastica Triestina torna a macinare gioco, riprende la corsa vincente e rimpingua la classifica. Esorcizzare la batosta patita a Sarcedo è la missione primaria delle triestine, uno stimolo che fornisce ossigeno e idee, intensità in difesa e ritmo in chiave offensiva. Dopo il 6-6 al 4’ ci pensano i canestri di Castelletto e Ciotola a regalare un primo, piccolo allungo (13-6) alle locali, rintuzzato dalle ospiti prima del siluro da tre della Nardella che consente alla S.G.T. di chiudere il primo quarto sul 18-14.

Dal secondo quarto è monologo delle giuliane. La difesa imbriglia intanto le temute Arado e Diakhoumpa, mentre in attacco l’arsenale spara i punti della Prodan e della Fumis. Un copione che porta le ragazze di Jogan al riposo con la dote di un +14.

In avvio di ripresa il San Martino Lupe propone una difesa più aggressiva, ma un break di 6-0 (ri)anima ulteriormente le biancocelesti, che delegano Mervich e Cigliani a rispondere sul campo per mantenere poi un vantaggio sulla decina di punti.

Nell’ultimo periodo le vincitrici si danno a una sicura gestione, affidandosi a due play. Una missione che l’ispirata Ciotola e la Croce conducono senza affanni, mettendo il mattone utile per la sesta vittoria nelle ultime sette partite. Il viaggio della S.G.T. continuerà sabato in casa della Melspeded Padova con palla a due alle ore 19.30.

Così il tecnico triestino Matija Jogan: <Stavolta eravamo molto motivati. Dovevamo dare un segno dopo l’altra settimana e l’abbiamo fatto nel migliore dei modi. In difesa abbiamo fatto una partita praticamente perfetta e in attacco abbiamo trovato sempre tiri aperti con buonissime percentuali, soprattutto da tre. Sono veramente fiero delle mie giocatrici>.

GIANTS BK MARGHERA-INTERCLUB MUGGIA 66-56

INTERCLUB MUGGIA: Biagi, Toscan 2, Battilana, Piemonte 7, Volk 2, Predonzani, Roici 2, Volpe 3, Santoro 21, Strissia 1, Masutti, Gori 18. All.: Chermaz

Le muggesane erano nella tana della seconda in classifica, dove si sono battute con grande generosità soccombendo solo nel finale.

Il coach ospite Stefano Chermaz indica: <Abbiamo giocato una partita attenta e di spessore, considerando l’alto valore delle avversarie che sono un team realmente forte, costruito per la promozione coprendo tutti i ruoli con ragazze di grande esperienza al top della loro attività. Siamo riusciti a sorprendere Marghera in avvio, chiudendo bene in difesa e colpendo con precisione in attacco. La gara di fatto è rimasta in equilibrio sino alla fine. Siamo stati sempre sotto, ma vicini nel punteggio fino al -2 di metà ultimo quarto; in quel frangente abbiamo sbagliato tre attacchi consecutivi, nonostante ci fossimo creati tiri aperti. Nell’azione successiva siamo stati puniti da una tripla quasi impossibile della loro top player Boccalato e da quel momento il recupero è stato impossibile. Il punteggio finale non fornisce l’esatta dinamica della gara, considerando inoltre che a un minuto dalla fine eravamo a -5. Sono molto soddisfatto della mia squadra, le ragazze hanno giocato una partita vera con grande decisione, grinta e con quella consapevolezza di aver capito in che campionato siamo che mi lascia ben sperare per il prosieguo della stagione. Ora mancano le ultime 4 giornate del girone di andata, in cui dobbiamo raccogliere il più possibile, privilegiando l’efficacia all’estetica. Se riusciremo a fare almeno 4 – 6 punti, cominciando già da sabato contro il Cus Padova, si prospetta un girone di ritorno davvero interessante, perché stiamo giocando proprio bene>.

OMA BASKET TRIESTE-BASKET SARCEDO 38-66

(8-14, 15-34, 24-49)

OMA BASKET TRIESTE: Iurkic 3, Eryka Giorgesi 5, Robba, Lisa Giorgesi 3, Percic, Vitiello 4, Nermettini 2, Quargnal 2, Orel 8, Cutazzo 11. All.: Masala

BASKET SARCEDO: Tagliapietra 15, Rostotska 4, Gasparini 3, Cosaro 2, Miccoli 5, Ferretto, Simion 2, Pirozzi 8, Mutterle 4, Zanetti 9, D’Adam 10, Garzotto 4. All.: Zucchi

Prosegue il momento negativo delle giallonere che, nuovamente rimaneggiate (assenti Richter, Bassi, Gatti e Tushja, cedono al Basket Sarcedo in un match a senso unico.

Il tecnico di casa Pino Masala afferma: <Purtroppo c’è poco da commentare, abbiamo avuto un approccio alla partita completamente sbagliato e devo dire che siamo tornati indietro di un mese e mezzo. Le tante assenze nell’economia di gioco stanno pesando troppo e di conseguenza, a livello di rotazioni, siamo corti. Per la sfida di venerdì vedremo di recuperare almeno una giocatrice>.

Iscriviti per ricevere la newsletter

Seleziona il tipo di newsletter che vuoi ricevere:

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

 Se vuoi Rivedi il consenso dei cookies 

Ti arriverà una email con un link per la validazione finale dell'iscrizione

e in seguito una email di benvenuto:)

Lascia un commento all'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.